Vai al contenuto Torna al menu principale Vai alla ricerca

Comunicati stampa

Lavorare insieme per una nuova normalità: Sodexo Italia lavora al fianco di oltre 1.000 aziende con la campagna “RISE”

luglio 09, 2020

Sostenere le imprese italiane per superare le paure del lockdown e aiutarle a recuperare una nuova normalità. Questo l’obbiettivo della campagna “Rise with Sodexo”, piano di azione lanciato dall’azienda leader nei servizi della qualità della vita che si articola in 5 ambiti di intervento e si avvale di un pool di 30 esperti della sicurezza e di tutta l’esperienza del gruppo nel campo della ristorazione, nutrizione, facility management.

Cinisello Balsamo, 9 luglio 2020 - Sodexo Italia, l’azienda dei 100 mestieri leader nei servizi per la qualità della vita, scende in campo al fianco di oltre 1.000 aziende italiane con la campagna “Rise”, un programma creato per affiancare i clienti nella ripartenza e crescita attraverso un approccio sistemico che presidia cinque aree di intervento (pianificare per la ripartenza, proteggere la salute e sicurezza delle persone, attivare il miglior percorso dei consumatori calibrato sui loro bisogni, supportare il benessere e la corretta informazione, ridisegnare spazi e ambienti per combinare comfort  ed efficienza). 
 
L’iniziativa vuole creare un impatto positivo sul business e consentire di tornare gradualmente ad utilizzare e vivere gli ambienti di lavoro, vecchi e nuovi, per coniugare il bisogno di relazione e benessere delle persone con quello di innovazione, sviluppo ed efficienza del business.  
A frenare imprese e lavoratori italiani è l’eredità più pesante di questo periodo di lockdown: incertezza e paura.
Come testimoniato da diversi studi, questi stati emotivi nelle grandi pandemie hanno molti volti caratteristici; dall’incertezza per il futuro, allo spaesamento di fronte alle novità, al timore di non essere in grado di proteggere sé stessi e i propri cari, all’incognita del lavoro.
Per superare questi timori serve un rinnovato patto di collaborazione tra lavoratori e imprese basato sull’ascolto, sulla fiducia reciproca e sul sostegno. Una modalità che ci sentiamo di suggerire ai nostri clienti perché l’abbiamo sperimentata noi per primi. 
 
“Oggi siamo pronti a ricominciare perché non abbiamo mai smesso - ha spiegato Enrico Bartoli, Direttore Divisione Corporate Sodexo Italia-, le nostre persone sono sempre state a fianco dei tanti clienti che non hanno mai interrotto la propria attività, condividendo con loro le medesime paure ed incertezze, trovando insieme le soluzioni in un genuino spirito di partnership”.
La fiducia e la tranquillità sul posto di lavoro l’abbiamo raggiunta grazie alla grande esperienza del nostro gruppo in tutti i settori in cui operiamo, mutuando nelle aziende clienti le stesse modalità operative precedentemente riservate al comparto sanitario e facendo tesoro dei suggerimenti arrivati dai nostri colleghi internazionali che hanno gestito l’emergenza prima di noi. Inoltre, questo lavoro è stato possibile grazie anche al nostro pool di 30 esperti della sicurezza, specializzati per tipologia di settore (aziendale, istruzione, sociosanitario) e ambiti operativi, che hanno curato sette protocolli specifici per gli ambiti della Ristorazione e delle Pulizie, delle Manutenzione, del workplace, dei Servizi educativi per i nidi, per l’infanzia e l’adolescenza. I contenuti dei protocolli, resi accessibili a tutti con infografiche, vademecum e segnaletica, permettono anche la diffusione tra i dipendenti della cultura e delle “buone maniere” dell’igiene attraverso un linguaggio semplice e innovativo. 
 
“Siamo un’azienda leader nel settore dei servizi alla persona - spiega Stefano Biaggi, Amministratore Delegato di Sodexo Italia - e con oltre 10.000 collaboratori e diverse relazioni con fornitori delle filiere agroalimentari, delle manutenzioni, della sanificazione, dei servizi educativi, ci siamo rimboccati le maniche perché sentiamo la responsabilità di fare la nostra parte proponendo alle aziende e agli enti pubblici e privati soluzioni per la nuova normalità.” 
 

Back to the list

SERVE AIUTO?

Hai delle domande?

Seguici su Linkedin